libriamoci a scuola

Percorso di educazione alla lettura, basato sul coinvolgimento dei diversi soggetti interessati. Per riflettere insieme sulle funzioni della lettura e della letteratura, sul panorama editoriale per bambini e ragazzi, sulle strategie di educazione alla lettura.

di Elisabetta Patruno - Istituto Comprensivo di Vernole, Castri, Caprarica (Lecce)

"Volare con le Emozioni" è il titolo dell'iniziativa Libriamoci vissuta dagli alunni della Scuola secondaria di primo grado di Vernole, nella settimana dal 26 ottobre al 31 ottobre 2015.

Una settimana in cui si è cercato ancora una volta di avvicinare i ragazzi ai libri e alla lettura ad alta voce.

La proposta scaturisce dall'esigenza di creare una motivazione positiva verso la lettura e la scrittura e di aumentare il desiderio ed il piacere di leggere e scrivere. Il progetto richiede il coinvolgimento degli alunni su più fronti: quello cognitivo, quello emozionale e, non ultimo, quello delle abilità sociali. Vuole creare infatti un clima di partecipazione positivo.

Reading, maratone di lettura, incontri con l'autore, visite guidate in libreria.

Nel panorama delle pubblicazioni scelto per la lettura il libro Nonno voglio volare di Giovanni Paladini, testo dalla narrazione avvincente e scorrevole; un viaggio che si conclude nell’arco di una giornata e che costruisce parola dopo parola, sotto gli occhi del lettore, un ideale itinerario storico, ma anche un suggestivo percorso sentimentale tra il fluire di affetti e di emozioni che tengono insieme nonno e nipote, simboli di due generazioni apparentemente lontane ma che tanto hanno da condividere ed imparare l’una dall’altra. Il racconto di Giovanni Paladini non è una epopea di miti ed eroi del passato, è tutt'altro: è una lezione di vita, anzi di “introduzione alla vita”, più precisamente ai veri “valori” che dovrebbero essere fatti propri dalle nuove generazioni: amicizia, libertà, solidarietà, amore per le proprie radici, rispetto per la natura, la storia e l’arte, le persone e le cose.

"…Si vola in tanti modi, non soltanto sbattendo le ali. Si vola anche stando fermi. Si vola se vogliamo volare. Si vola se si è fatto bene il proprio dovere, se si ama ciò che si fa, se si è capaci di dare la mano per primi, se si sa fare un passo indietro, se si riesce a donare e donarsi agli altri senza aspettarsi nulla in cambio. Si vola quando si superano le difficoltà, quando si perdona, quando si prega, quando si guarda avanti ed in alto, e, guardando in alto, ci si innamora del Cielo.”

Il sito web dell'Istituto Comprensivo di Vernole, Castri, Caprarica: www.istitutocomprensivovernole.it.

Per ulteriori informazioni, potete contattare l'insegnante referente del progetto al seguente indirizzo e-mail: patrunoelisabetta@gmail.com.