libriamoci a scuola

La letteratura moderna europea si è formata seguendo le tracce di un cavaliere, di un hidalgo e di un bardo. Le loro vicende sono accomunate non solo da dati cronologici, ma anche dallo stesso destino: la necessità di misurarsi con un nuovo sentimento della vita, che ha nella follia il suo sbocco e la sua origine. Sulle loro tracce ci muoviamo noi, per dare voce al loro e al nostro "errare".

"[...] non fermarsi alla lettura silenziosa, esclusivamente mentale, del testo. Insomma, recitate, ma levatevi in piedi quando vi esibite, anche se siete soli in quella stanza. E se nel seguire le parole scritte vi succede di compiere qualche gesto con le mani e le braccia, e magari, perché no, anche con tutto il corpo fatelo. [...] leggere è un'arte." (Dario Fo)

di Ida Crispino - Liceo classico statale "Vittorio Emanuele II" (Napoli)

Il progetto prevede, inizialmente, la lettura e l'analisi di brani tratti dall'Orlando furioso di Ariosto e dal Don Chisciotte di Cervantes e di alcune liriche di Shakespeare, organizzati per percorsi sui temi delle armi, dell'amore e della follia. Successivamente si sviluppa come studio degli "echi" di tali opere nella produzione letteraria, artistica e musicale dal '900 ai giorni nostri. Il progetto si conclude con un evento pubblico, aperto al territorio: una mattinata, il 27 ottobre, dedicata alla lettura a voce alta di brani delle opere studiate, condotta da alcuni alunni delle classi coinvolte e da lettori d’eccezione invitati come ospiti. In questa occasione si intende proporre al pubblico anche un lavoro multimediale per illustrare la "ripresa" dei capolavori di Ariosto e Cervantes nella letteratura, nel teatro, nel cinema, nell'arte e nella musica dal '900 ai giorni nostri.

OBIETTIVI (competenze e abilità/capacità)

Il progetto si propone di consolidare/potenziare le seguenti competenze di cittadinanza e disciplinari:

  1. collaborare e partecipare: comprendere le esigenze, i diritti e i punti di vista degli altri membri del gruppo/della comunità; esprimere in modo adeguato le proprie esigenze e il proprio punto di vista; mettere in atto comportamenti che valorizzino le proprie e le altrui capacità; gestire le situazioni di conflitto contribuendo all’apprendimento comune e alla realizzazione delle attività collettive;
  2. leggere: leggere a voce alta in modo corretto ed espressivo; analizzare testi letterari comprendendone senso, struttura, intenzionalità e scopo; leggere differenti fonti letterarie, documentarie, iconografiche (anche in modalità multimediale), ricavandone informazioni; interpretare un testo in riferimento sia al suo contesto sia al suo significato per il nostro tempo;
  3. ideare, progettare e formulare ipotesi: usare appropriatamente gli strumenti di ricerca per compiere scelte corrette e coerenti; organizzare tempi, strumenti, strategie e fasi di lavoro in modo proficuo e produttivo, dopo un’attenta valutazione dei vincoli e delle possibilità esistenti; valutare i risultati raggiunti e la loro coerenza con gli obiettivi in precedenza stabiliti.

Proseguimento del progetto: si intende inserire nelle programmazioni disciplinari di italiano un laboratorio permanente di lettura a voce alta, da articolare in orario curricolare ed extracurricolare. I testi proposti, selezionati tra quelli previsti dai programmi, saranno affiancati sempre da una riflessione su permanenze e variazioni tematiche nella produzione letteraria, artistica e musicale dal '900 ai giorni nostri.

Criticità del progetto: le criticità potrebbero essere rappresentate dalla carenza di fondi per la realizzazione delle attività in orario extracurricolare.

Partner del progetto: ci si propone di allargare al territorio il progetto, programmando letture pubbliche nelle librerie, nelle chiese e in altri spazi del centro storico di Napoli, coinvolgendo in quest'attività anche i licei e le scuole dello stesso ambito territoriale.  

Il sito web del Liceo Classico Statale "Vittorio Emanuele II": www.liceovittorioemanuele.it.