libriamoci a scuola

Tutte le informazioni di cui avete bisogno (banca dati, lettori volontari, filoni tematici, faq...) per partecipare alla nuova edizione di "Libriamoci. Giornate di lettura nelle scuole", che si terrà dal 23 al 28 ottobre 2017.

della Redazione

Aperta dal 28 settembre la banca dati (www.libriamociascuola.it/registrazione) nella quale gli insegnanti possono inserire le iniziative organizzate nelle proprie classi per la quarta edizione di Libriamoci. Giornate di lettura nelle scuole,  che anche quest’anno si rivolge alle scuole di tutta Italia, dalle elementari alle superiori, invitandole a includere nelle attività scolastiche delle sei giornate momenti di lettura ad alta voce.

Tre i filoni tematici proposti, ai quali insegnanti e studenti possono aderire o ispirarsi: Lettura e ambiente, Lettura e solidarietà, Lettura e benessere.

A essere premiati saranno gli istituti più virtuosi! Tra i primi 20, che avranno inserito il loro programma di lettura in banca dati, sarà infatti selezionato quello che, per ogni ordine e grado, avrà organizzato il maggior numero di eventi. In caso di parità di iniziative, si procederà a sorteggiare il vincitore. Il premio per le tre scuole vincitrici consisterà in un Laboratorio di lettura espressiva, condotto da Roberto Gandini, direttore del Laboratorio teatrale integrato Piero Gabrielli.

L’evento di lancio di Libriamoci 2017

L’11 ottobre 2017 presso il Teatro Argentina di Roma è in programma un appuntamento speciale per lanciare questa edizione, alla presenza dei ministri Dario Franceschini e Valeria Fedeli e del presidente del Centro per il libro e la lettura Romano Montroni.

Dopo i saluti istituzionali (ore 10.30) da parte di rappresentanti del Teatro, della Regione e del Comune seguiti dall’intervento di Pif, testimonial d’eccezione dell’iniziativa, che racconterà come e perché la lettura è importante nella sua vita come in quella di tutti, dalle 11.30 si avvicenderanno sul palcoscenico personalità del mondo della cultura e dello spettacolo. In particolare, a trasmettere la propria passione per la lettura saranno l’attore Lino Guanciale – protagonista di una serie tv molto seguita e popolare tra i ragazzi nonché insegnante e formatore di docenti sulla lettura ad alta voce – che illustrerà i contenuti del suo spettacolo Ragazzi di vita (in prossima programmazione al Teatro Argentina) e leggerà l’incipit del libro di Pasolini, e Roberto Gandini – direttore del Laboratorio integrato Piero Gabrielli – che insieme alla sua compagnia di attori, che include anche giovani diversamente abili, presenterà alcuni tutorial per educare alla lettura ad alta voce nelle scuole. Toccherà infine agli allievi attori del Teatro di Roma andare in scena con i loro reading.

La banca dati

Partecipare a Libriamoci è semplice: i docenti che hanno organizzato uno o più momenti di lettura nelle proprie classi devono registrarsi alla banca dati (www.libriamociascuola.it/registrazione) e, seguendo le successive fasi di compilazione, inserire le informazioni relative alle attività di lettura. Dettagli utili al corretto utilizzo della banca dati sono consultabili nelle FAQ (www.libriamociascuola.it/?page_id=6475). Sempre dalla banca dati è possibile scaricare il kit grafico ufficiale (www.libriamociascuola.it/?page_id=6504) contenente le locandine e i segnalibri.

A conclusione di Libriamoci, dopo il 28 ottobre, sarà possibile accedere al proprio profilo utente e scaricare l’Attestato ufficiale di partecipazione (nel numero di copie necessario), che recherà prestampati il nome della scuola e dell’evento: il docente potrà poi aggiungere il proprio nominativo e quello di eventuali altri destinatari di altre copie. Una volta convalidate, le iniziative saranno visibili cliccando la cartina geografica in home page sul sito, fulcro digitale della campagna che offre anche notizie, video e informazioni utili, strumenti di approfondimento e bibliografie ragionate (www.libriamociascuola.it/?tag=bibliografia).

Gli insegnanti possono realizzare iniziative in piena autonomia e, nel caso desiderino ospitare in classe un lettore volontario, possono farne richiesta alla Segreteria organizzativa (Ex Libris Comunicazione: 02 45475230; 334 1280662; 334 3416596; 334 3416594; 331 2373924) entro il 15 ottobre 2017, tramite l’apposito modulo (www.libriamociascuola.it/lettori.html).

Premio Libriamoci

Tra le prime 20 scuole di ciascun ordine e grado, che registreranno le proprie letture nella banca dati, sarà selezionato - per ogni ordine e grado scolastico - l’istituto che organizza il maggior numero di iniziative. In caso di parità di iniziative, si procederà a sorteggiare il vincitore. Il premio per le tre scuole vincitrici consisterà in un Laboratorio di lettura espressiva, condotto da Roberto Gandini, direttore del Laboratorio teatrale integrato Piero Gabrielli.

Collaborazioni

FAI – Fondo Ambiente Italiano, RAI, ANCI Associazione Nazionale Comuni Italiani, AIB Associazione Italiana Biblioteche, ALI Associazione Librai Italiani, SIL Sindacato Librai Italiani, Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura, ADI Associazione Degli Italianisti, ICWA Associazione Italiana Scrittori per Ragazzi, Atlante digitale del '900 letterario, CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica, Premio nazionale Elio Pagliarani

Un ringraziamento ai Direttori dei Poli Museali, quest’anno Libriamoci punta anche alla valorizzazione delle aree culturali periferiche, magari riqualificate di recente e poco conosciute, promuovendo letture in questi siti grazie all’attivazione delle reti territoriali per portare bambini e ragazzi delle scuole locali ad ascoltare, all’interno di queste aree, la voce dei libri.

Per info e problemi tecnici scrivere a libriamoci@beniculturali.it specificando nell’oggetto l’argomento e comunicandoci sempre un recapito telefonico diretto.

Sui social network sempre attivi la pagina Facebook www.facebook.com/libriamociascuola/ e l’account Twitter https://twitter.com/LibriamociAS, aperti alla condivisione di foto, video e resoconti di partecipanti e organizzatori contraddistinti dal tag #Libriamoci, e che raccoglieranno osservazioni e commenti nell’intento di costruire una comunità di lettori e di scambio di “buone pratiche”.