libriamoci a scuola

Il progetto intende proporre ai bambini percorsi di apprendimento mirati a rafforzare l’identità personale, l’autonomia e le competenze, aiutandoli a vivere serenamente la propria corporeità, favorendo lo stare bene e il sentirsi sicuri in un ambiente sociale allargato, imparando a conoscersi e sviluppando il senso di cittadinanza, divenendo così persone uniche, irripetibili.

"Se riesci a far innamorare i bambini di un libro di due, di tre, cominceranno a pensare che leggere è un divertimento. Così, forse, da grandi diventeranno lettori. E leggere è uno dei piaceri e uno degli strumenti più grandi e importanti della vita." (R. Dahl)

di Claudia Ranieri - 1° Circolo Didattico Statale "Don P. Pappagallo" - Scuola primaria (Terlizzi - BA)

Il progetto si propone di far scoccare nei bambini quella scintilla da cui nasce la passione per i libri e la lettura. Pertanto è importante che si sviluppino delle motivazioni su un vissuto emozionale positivo, in modo che la lettura si trasformi in un gioco fantastico, divertente e coinvolgente. In tal modo la lettura  renderà possibile un'educazione emotivo-affettiva nella scuola, indispensabile nel processo di apprendimento.

Conoscere le proprie emozioni e imparare a saperle controllare è molto importante, permette ai bambini di crescere come persone equilibrate, in grado di comunicare ed esprimere ciò che sentono “mitigando” le reazioni negative come la rabbia che porta alla violenza o le situazioni frustranti come la vergogna. Inoltre, parlare ai bambini di ciò che provano loro e di ciò che proviamo noi, li aiuta a capire che è normale essere tristi, arrabbiati, felici o spaventati.

FASI DEL PROGETTO:

  • una prima fase finalizzata a promuovere “il piacere della lettura” che si concentrerà sulla lettura, prestando attenzione alla progettazione degli spazi e dei tempi, al fine di creare le condizioni favorevoli e confortevoli per consentire ai bambini di immergersi nella magia della storia, sollevandoli da qualsiasi tipo di eventuali “ansie da prestazione” connesse alle abilità strumentali. In tal modo si contribuisce a gettare le basi per formare la personalità del fututo “vero lettore”, cioè della persona che sceglie di leggere per il vero piacere di farlo, ricavandone un'esperienza emozionante;
  • una seconda fase che prevede la rielaborazione dei contenuti in chiave emozionale. Traendo spunto dai luoghi e dai personaggi della storia, i bambini vengono guidati alla scoperta delle emozioni proprie e altrui, riconoscendo il contesto che le determina e le caratteristiche di ognuna (siano esse piacevoli o spiacevoli), nonchè vengono orientati ad acquisire strategie comportamentali indonee per gestire correttamente i diversi stati emotivi;
  • una terza fase di rielaborazione creativa attraverso la didattica laboratoriale. La progettazione e l'attuazione di percorsi laboratoriali permettono una rielaborazione creativa dei contenuti appresi.

Proseguimento del progetto: le attività che hanno preso avvio nella settimana della lettura proseguiranno per tutto l’anno scolastico 2017/18, collocandosi negli spazi e nei tempi opportuni a integrazione delle attività curriculari e trasversali.

Partner del progetto: Libreria "Le città invisibili".

Il sito web del 1° Circolo Didattico Statale "Don Pietro Pappagallo": www.scuoladonpappagallo.it.

9io